Smart Tips
Mag 25

La gestione della FASE 1 in Gruppo Euris

Gruppo Euris ha iniziato il 2020 con importanti obiettivi di miglioramento e di crescita. Tuttavia, inaspettatamente, il contesto generale, a partire da Febbraio, è cambiato in modo radicale. Il virus COVID-19 ha cambiato il nostro modo di vivere e di lavorare e ha messo in discussione molte delle nostre certezze.

Tutta l’azienda ha saputo fin da subito reagire prontamente cercando di fronteggiare le criticità, consapevole dei pericoli che si stavano prospettando, e ha lavorato giorno per giorno guardando avanti.

Team ‘Unità di Crisi’ – Azioni 

Con lungimiranza, avvertiti i primi segnali e prima che il Governo procedesse con il lockdown, abbiamo creato il team ‘Unità di Crisi’. L’Unità di Crisi aveva lo scopo di prendere in tempi brevi decisioni immediate e tempestive.
Il team ha individuato una persona responsabile della Comunicazione e della Gestione del Personale, la Direzione HR, e una persona che gestisse tutte le problematiche lato business (clienti, operatività, gestione dei team …).
A livello operativo, all’interno dell’Unità di Crisi, sono state coinvolte tutte le funzioni impattate dalla situazione: l’IT, HR Core, HR Recruiting, l’Amministrazione del Personale e PMO.

I primi passi verso il Remote Working

Per prima cosa, abbiamo mappato completamente tutto il personale per sapere chi risiedesse nelle zone più a rischio di contagio, per mettere da subito in sicurezza le persone e le sedi. L’obiettivo era di permettere il lavoro in Remote Working prima ai colleghi più a rischio, dotandoli fin da subito tutti gli strumenti necessari.

Poi abbiamo bloccato nell’immediato tutte le trasferte delle varie unità aziendali sia verso clienti sia per visite in altre sedi. Da subito abbiamo stabilito che gli spostamenti dovevano ridursi al minimo indispensabile per arrivare pian piano a non averne proprio.

La parte produttiva ha comunicato nell’immediato con i clienti per avere evidenza di eventuali criticità nell’adottare il Remote Working. Nelle comunicazioni abbiamo sempre sottolineato la nostra intenzione di salvaguardare i colleghi e i clienti stessi da un possibile contagio. Le criticità sono state poi gestite una ad una con la preziosa collaborazione di tutti gli attori coinvolti.
Abbiamo lavorato da subito coi nostri clienti per risolvere tutte le problematiche emerse. Avevamo duplice obiettivo: salvaguardare la salute dei colleghi in primis e garantire comunque la continuità operativa sui progetti pur adottando modalità operative diverse. 

Gli strumenti

Il virus COVID-19 ha cambiato il nostro modo di vivere e di lavorare, a partire dagli strumenti in uso ogni giorno. In modo progressivo la struttura IT, dopo aver verificato che l’infrastruttura fosse in grado di sostenere il lavoro in Full Remote da parte di tutto il Gruppo, ha fornito a tutte le persone gli strumenti necessari per poter lavorare al 100% in Remote Working.

  • Connessioni VPN per accedere alla rete aziendale
  • Strumenti per gestire al meglio video-call e conference call
  • Disponibilità di un pc portatile dotato di connessione internet nel caso in cui qualcuno non disponesse di connettività da casa.

Tutto è stato gestito grazie al supporto di JIRA, un sistema di gestione di ticket che ci ha permesso di centralizzare le richieste di circa 400 risorse per poter dare risposte efficienti e rapide.

Subito ci siamo resi conto che al di là dei canali di comunicazione tradizionali come la mail, Facebook, LinkedIn … ci serviva un canale veloce e immediato per dare informazioni anche fuori orario o nel weekend. È stato introdotto Telegram come canale di comunicazione immediato tra azienda e dipendenti. C’è stata e c’è ancora oggi la necessità di diffondere notizie in maniera istantanea a tutti i dipendenti.

I risultati

Nel giro di due settimane, partendo dai team produttivi fino alle persone che si dedicano ad attività amministrative, è stato raggiunto l’obiettivo prefissato di introdurre il Remote Working per la totalità dell’azienda.

Questo ci ha permesso di ottenere tre importantissimi risultati:

  1. salvaguardare la salute dei nostri dipendenti
  2. garantire ai clienti l’erogazione dei servizi
  3. salvaguardare la continuità aziendale mantenendo i livelli di produttività necessari.

A distanza di poco più di un mese e mezzo possiamo dire con tranquillità che il Gruppo ha superato la fase 1 della crisi causata dal COVID-19. Questo nonostante il lockdown completo di qualche cliente e la riduzione del lavoro di alcuni altri.
L’importantissimo risultato deriva direttamente dal solido posizionamento competitivo di Gruppo Euris nel mercato e dai comportamenti virtuosi di tutte le persone dell’azienda. Nonostante i sacrifici e i disagi, tutti hanno accettato e gestito in modo brillante i cambiamenti che l’emergenza ci ha portato a fare in tempi molto brevi.
La capacità di tutti i  colleghi di adattarsi al cambiamento e di mettere in moto nuove modalità operative snelle ed efficaci in una situazione di emergenza ci ha permesso di poter continuare a svolgere il nostro lavoro senza particolari riduzioni e di poter continuare ad essere un partner sicuro ed affidabile per i nostri clienti.

Il virus COVID-19 ha cambiato il nostro modo di vivere e di lavorare, ma non ci ha fermato!

Azioni di HR verso i colleghi

HR Core, una volta che l’azienda è stata messa in sicurezza, si è attivata per individuare delle iniziative con l’obiettivo di supportare i colleghi e di rendere più ‘piacevole’ la vita lavorativa da remoto.

Share Your Desk

Dalla curiosità di vedere come ognuno di noi si è creato un nuovo spazio di lavoro nasce Share Your Desk!
La condivisione di una immagine del quotidiano è un modo per sentirsi vicini, per fare team anche non dividendo lo stesso ufficio. Per questo abbiamo invitato i colleghi a scattare una foto della loro postazione e condividerla in uno spazio appositamente creato in uno Space Confluence.

Time Off

Time Off (tempo libero) ed è un progetto nato, come dice il titolo, per condividere con i dipendenti alcune iniziative gratuite messe a disposizione dal web. A questo abbiamo aggiunto una serie di convenzioni per l’home delivery stipulate da Gruppo Euris con diversi esercizi commerciali in ogni città. L’obiettivo era da una parte facilitare le persone nella ricezione della spesa, dall’altra di rallegrarle con una cena diversa dal solito.

Euris4Kids

Euris4Kids è il frutto di un pensiero rivolto ai bambini e ai nostri dipendenti stessi. Un insieme di risorse gratuite per impegnare il tempo di grandi e piccini in divertenti attività di esplorazione, laboratori interattivi o semplicemente ascoltando una fiaba mentre mamma e papà lavorano.  

Guida al Remote Working

Visto il protrarsi del tempo di lavoro da remoto, abbiamo fornito ai nostri colleghi una piccola guida illustrata sulla gestione del Remote Working. All’interno abbiamo elencato qualche suggerimento pratico per affrontare al meglio il Remote Working e per gestire la propria vita privata durante la quarantena, evitando il rischio di burnout. Perché, in fondo, viene sempre l’istinto di dare una sbirciatina alle mail di lavoro!

Se pensi che questi consigli possano essere utili anche a te, scarica la Guida al Remote Working di Gruppo Euris!

Nicoletta Bressan
Direttore HR di Gruppo Euris spa


Scarica la Guida al Remote Working


    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo quanto previsto nella Privacy Policy conforme al Regolamento (UE) n. 2016/679.